la relazione mente e sport, l’aiuto del coaching – Anna Cantagallo

Anna Cantagallo Specialista in Neurologia e  Medicina  Riabilitativa, master in Psicopatologia Forense e Peritale, mediatore e conciliatore è la direzione scientifica del cento clinico BrainCare.

Non tutta l’attività fisica è sport, cosi come lo sport non è solo quello veicolato dai media. Nel senso stretto la parola “Sport”, nata nel XIX secolo, si riferisce alle competizioni istituzionalizzate create per assecondare una riforma pedagogica e morale. Distinguere tra lo sport ad altissimo livello e quello relativo al tempo libero permette di capire la differenza di impegno necessario sia dal punto di vista quantitativo sia dal punto di vista qualitativo messo nello svolgere tali attività.

Siamo soliti pensare allo sport come ad un esercizio esclusivamente fisico, tralasciando la componente psicologica dell’attività che al contrario può essere una grande fonte di benessere e soddisfazione, poiché fare dello sport, che sia a livello amatoriale o ad un livello professionistico, rappresenta un’esperienza globale. È necessario quindi parlare anche di come la mente interviene nelle prestazioni sportive.

Il coaching sportivo è uno dei settori di cui la dottoressa Anna Cantagallo si occupa. A livello mentale ogni nostra prestazione sportiva viene filtrata, potenziata e accompagnata da schemi psicologici che si attivano nell’azione; tuttavia i medesimi schemi possono anche renderla disfunzionale trasformandola in un’esperienza scadente, umiliante e frustrante.

Chi pratica sport anche a livello non agonistico avrà sicuramente sperimentato momenti di forte concentrazione durante un’ attività che l’hanno portato ad un’esperienza totalizzante tanto da perdere il senso del tempo, questa sensazione è definita Flow ovvero “flusso” cioè un’immersione completa in noi stessi e in quello che stiamo facendo. Specularmente è possibile che molti abbiano sperimentato anche momenti in cui hanno perso qualsiasi spinta, una sorta di demotivazione o rinuncia all’impegno al punto di essere spinti ad abbandonare… (leggi tutto)

Share