Gli acufeni, un approccio multidisciplinare – Anna Cantagallo

Anna Cantagallo e il suo staff di professionisti sono preparati per un approccio multidisciplinare al problema.

Viene generalmente definito acufene (o tinnitus in latino e inglese) il disturbo per cui il paziente percepisce rumori “fantasma”, sotto diversa forma (fischi, ronzii, fruscii, crepitii, soffi, pulsazioni ecc.) in un orecchio, in entrambi o, in generale, nella testa.
Tali rumori possono risultare fastidiosi a tal punto da influire sulla qualità della vita di chi ne soffre. Infatti possono interferire con la vita di relazione, il ritmo sonno-veglia, le attitudini lavorative, il livello di attenzione e concentrazione, la regolazione delle emozioni, inducendo o molto più spesso potenziando stati ansioso-depressivi preesistenti (Erlandsson, 2000). Ove non regrediscano entro i primi mesi dalla loro insorgenza, vi è la possibilità che gli acufeni, se non si curano con una terapia adeguata, persistano negli anni successivi, divenendo cronici a tutti gli effetti. Un approccio medico e psicologico rappresenta il trattamento d’elite in questo genere di disturbi, la dottoressa Anna Cantagallo mette a disposizione la sua esperienza nel campo della medicina e delle neuroscienze per un approccio innovativo ed efficace.
Oggi le principali risorse per la cura dei sintomi dell’acufene sono rappresentate, oltre che dai trattamenti farmacologici mediante neurofarmaci e da trattamenti che mirano alla risoluzione dell’idrope cocleare (efficaci ovviamente solo quando questo sia il meccanismo all’origine dell’acufene), dai trattamenti di terapia cognitivo-comportamentale (Cognitive – Behavioral Therapy, CBT). L’efficacia della CBT nel trattamento dell’acufene è stata largamente dimostrata anche all’interno di trials clinici randomizzati e questo intervento viene ad oggi considerato tra i principali … (leggi tutto)

Share