CONOSCI GLI STILI COMUNICATIVI? Prova con un semplice esercizio.

Venerdì pomeriggio, due colleghi svolgono i rispettivi compiti. Ad un tratto uno si affaccia alla porta dell’altro e chiede:

“Franco, sto aspettando una consegna molto importante, ma non riesco a fermarmi oltre il mio orario, riesce ad aspettare tu il fattorino, non ci vorrà più di 15/20 minuti dopo la chiusura dell’ufficio”

Vediamo insieme quattro possibili risposte.

Risposta 1.

Franco: “ Eh…io…mmm…dovrei.. cioè dovrei andare a prendere mio figlio a nuoto..però va bene dai non ti preoccupare, starà con l’insegnate, non succede niente…vai pure tranquillo sistemo io”.

Risposta 2.

Franco: “Cosa? È venerdì pomeriggio anche per me sai, non credere che stia qui a fare nulla..io devo andare a prendere mio figlio a nuoto, vorrai mica lo faccia aspettare. Ma insomma, che cosa mi tocca sentire giusto a fine settimana”

Risposta 3.

Franco: “Eh, si aspetto io il fattorino, nessun problema vai pure”.

Più tardi a casa con la moglie: “ Il mio collega Antonino è uno sfaticato, lascia sempre a  me le incombenze, fosse per lui andrebbe tutto in rovina. Ogni volta a chiedere favori e delegare, è proprio irresponsabile”.

Risposta 4.

Franco: “Antonino, se ricordi mi sono fermato al tuo posto anche venerdì scorso. Se posso ti auto volentieri, ma oggi non mi è possibile. Devo andare a prendere mio figlio a nuoto ed, aspettando il fattorino, arriverei con un ritardo di mezzora”.

Ad ogni risposta di Franco corrisponde un diverso stile comunicativo, leggete la descrizione e provate ad abbinare a ciascuna delle risposte di Franco (1,2,3,4) uno degli stili comunicativi qui descritti.

(A seguire le soluzioni)

Assertivo: I propri diritti ed interessi sono riconosciuti e rispettati, tenendo conto di bisogni ed esigenze degli altri. Si esprimono le proprie opinioni, pensieri  e stati d’animo apertamente. Vi è fiducia nelle risorse proprie ed altrui e nella possibilità di trovare soluzioni eque e condivise mantenendo il rispetto reciproco.

Passivo: I propri diritti ed interessi sono messi da parte, nascosti o non espressi  per assecondare e esigenze dell’altro. I bisogni  e desideri altrui sono predominanti rispetto ai propri. Si cede alle richieste altrui. Vi è il timore di perdere l’apprezzamento ed il sostegno altrui.

Aggressivo: I propri diritti ed interessi risultano prevalenti e vanno soddisfatti ad ogni costo anche negando le esigenze dell’altro. Si impone il proprio punto di vista. Vi è il timore che “dando all’altro una mano, questi si prenda il braccio”.

Passivo-Aggressivo:  La persona non riesce a portare avanti i propri diritti ed interessi, ed al contempo compromette la soddisfazione dei bisogni altrui alimentando “chiacchere e dicerie”. La persona critica, si lamenta, giudica gli altri o le situazioni, ma lo riferisce a tutti tranne che al diretto interessato.

Soluzioni

Risposta 1= Passivo

Risposta 2= Aggressivo

Risposta 3= Passivo- Aggressivo

Risposta 4= Assertivo

 

Se desiderate acquisire maggiori informazioni circa i diversi stili comunicativi, allenarvi a distinguerne le specificità,  ed al contempo cominciare a riflettere ed interrogarvi sullo stile comunicativo da voi adottato in modo prevalente scaricate il nostro e-book gratuito sull’assertività “SEI PASSIVO, AGGRESSIVO O ASSERTIVO?”.

Troverete slide descrittive, esempi e svariati esercizi su questo tema.

 banner_fissa-consulto-online

Share